Precipito…

Precipito
Nell’abisso del dolore!

Barbarie, inganni,

crudeltà,
gratuità d’ipocrisie.

Dimenarsi dietro
fantasmi di piaceri,
godere il presente,

sperare il futuro,
ignorare che tutto
è simulacro di tutto:

illusioni puerili,
indecenti,
frivolezze accidiose…

E una rabbia impotente,
Mi possiede,
Ed un silenzio urlante…

Pur disperata,
approdo all’assolutezza
del disinganno!

Precipito…ultima modifica: 2004-07-19T00:33:20+02:00da ilianetto
Reposta per primo quest’articolo

27 pensieri su “Precipito…

  1. non è vero e lo sai, non è vero no si approda al disinganno, mai fino a quando possiamo anche solo per un momento sfuggire al dolore attraverso la speranza. Nessun disinganno vedrà luce, nessuno devi crederci, devi oggi più che mai.

  2. Continua a credere amica mia, continua a credere ti prego…attingi forza anche dal più piccolo barlume di speranza, dalla tua grande, immensa forza interiore…ti tengo le mani e non te le lascio, voglio starti vicino anche solo con le mie stupide parole, che poco fanno di fronte ad un grande dolore, ma il mio cuore e la mia anima sono con te, sempre, se vuoi prendi anche la mia forza…perchè sò e sento quello che stai vivendo. Ti voglio bene amica coraggiosa.

  3. La difficoltà che stai affrontando non deve mai farti perdere la speranza in un nuovo giorno. Sono assolutamente d’accordo con te che si cade spesso nelle frivolezze, senza rendersi conto di quante cose siano veramente importanti nella vita: illusione di vivere e perdite di tempo. Precipito nell’abisso del dolore, scrivi! Tu non hai idea di quanto mi senta inutile io,ora nel lasciare queste righe, con la consapevolezza di poter fare davvero poco, forse nulla. Approdo qui, con il desiderio di ascoltarti e poterti stringere senza dire altre parole, solo stringerti forte perchè quell’abisso scompaia, si affievolisca.. Notte Ilia.

  4. Ieri, domenica 18 luglio, alle 11,50 hai toccato con me la vetta dopo 16 ore di salita e una notte di bivacco con le stelle che facevan da coperta. Il tuo passo era sicuro e quando la roccia s’è fatta verticale, ciò che con la forza non potevi lo hai fatto col morale. Una carezza per il tuo bel cuore, amica. haffner

  5. ci si nutre di speranze sino a quando è possibile, ma quando la speranza diventa illusione diventa un cibo avariato ,riempe lo stomaco per poi sconvolgerlo e lasciarci stremati e senza forze.E’ difficile dire abbandona la speranza e vivi la realtà momento per momento, ma l’unico modo per percorrere un tunnel oscuro senza cadere nel vuoto non è nell’aspettare ci sia luce quando termina, ma accendere una propria candela e mettere un passo dietro l’altro,non pensando al successivo,ma solo a quello, quello più incerto, quello più sicuro,quello che incespica.E andare avanti.Non si può fare altro,anche se si vorrebbe. Un abbraccio.Laura

  6. Sabato sera mi sono sentita esattamente così … quando ti rendi conto che la sperana che hai dentro di recuperare qualcosa a cui tenevi è inutile … ti senti così!!! Rabbiosa e sensibile al dolore, perchè non si può fare niente … solo restare a guardare che tutto finisce. Scusa il mio pessimismo, ma le tue parole mi hanno portato a ricordare un episoidio recente!!!! Un bacio,mypassion .

  7. Ili, rivolgo il mio pensiero a te nei vari momenti della mia giornata, mi ritrovo a parlarti, a raccontarti i miei pensieri come se fossi davanti a me, nell’illusione di riuscire a farti sentire la mia vicinanza…vor rei avere il dono dell’ubiquità. ..ti voglio bene Ili e ti abbraccio con tutto il mio affetto.

  8. che succede ilia? c’è un posto qui dove il disinganno, la rabbia e il dolore si mandano giù più facilmente con il potente antidoto del conforto: è il cuore della gente che ti vuol bene, che t’ascolta e che ti afferra all’ultimo momento prima di precipitare. qui sopra ne leggo pezzi da sempre. e se tu molli la presa io ti terrò se lo vorrai perchè ti voglio bene. con affetto

  9. Le mie parole le conosci già, il mio pensiero, pure. Anche i miei inutili tentativi di renderti meno duro il calvario. Ma sono stremata come te , non so più che dirti e non so aiutarti. e questo, al momento, è il mio più grande rammarico. Però sono qua, sempre e comunque. Ti bacio.

  10. dagli abissi del dolore prima o poi se ne esce… stringi i denti, chiudi i pugni, conosco questo calvario, però non sei sola … tanti amici sono con te… è poco di fronte a tutto quello che stai passando ma può essere un piccolo arcobaleno… un bacio

  11. Mia carissima amica, vado via per un pò, ma ti porterò con me, nel cuore e nei pensieri, spero che spiragli di luce illuminino i tuoi giorni e che la forza e la speranza ti accompagnino sempre…esprim i i tuoi desideri alle stelle, e credici…forte mente…si avvereranno. Ti abbraccio forte e con tutto il mio affetto.

  12. Lo so che sei atea o giù di lì, immagino anzi che in questo momento, se credi in qualche entità superiore è solo per inveirle contro e maledire quanto accade sotto il suo sguardo indifferente. Probabilmente non hai forza neanche per pregare. Lo faccio io per te. Neanche io sono molto abituata a farlo, non ho rapporti consolidati nelle “Alte Sfere”… ma prego. Prego per voi. Con tutto il cuore, con tutto il mio affetto per voi, con la fervente speranza che una carezza celeste asciughi ogni lacrima e plachi ogni sofferenza. Anita

Lascia un commento