Amarsi un po’…

Avevo dimenticato quanto importante fosse volermi un po’ di bene, quanto poco costasse! Avevo dimenticato che esisto anch’io, solo un po’! Avevo dimenticato che fuori c’è il mondo, con la sua umanità, anche se empia, talvolta; c’è la vita che non aspetta, che scorre e inesorabile prosegue il suo cammino fino alla meta, come il fiume con le sue acque … Continua a leggere

Aforisma di Arthur Schopenhauer

Noi sentiamo il dolore, ma non l’assenza del dolore; sentiamo la preoccupazione, ma non l’assenza della preoccupazione; la paura, ma non la sicurezza. Sentiamo il desiderio, così come la fame e la sete; ma non appena è soddisfatto, succede come per il boccone che, nel momento in cui viene inghiottito, cessa di esistere per la nostra sensibilità. Sentiamo amaramente la … Continua a leggere

Ricordo di Capri

L’intrico tortuoso Di strette viuzze S’apre in un cerchio superbo: La piazzetta di Capri; Larga la scalinata Scende nella piazza; Il vecchio campanile Si staglia su nel cielo. Vetrine Illuminate a giorno Espongono Con gusto raffinato Abiti griffati, Gioielli, i più preziosi, Vini e limoncelli, i più pregiati, Souvenirs vari, richiamo Di stranieri e d’italiani. Turisti a frotte, Con la … Continua a leggere

Ferragosto insolito…

E’ pomeriggio inoltrato di un ferragosto non torrido. Un venticello fresco, un cielo terso, azzurro, senza nuvole, un’aria pulita; la vista panoramica del terrazzo è chiara, e l’occhio si spinge all’orizzonte. Il Vesuvio sembra così vicino, nella sua lontananza spaziale. I tradizionali fuochi d’artificio… Dopo un pranzo di tutto “rispetto”, una tavola apparecchiata con cura nei minimi dettagli, come è … Continua a leggere

La strada assolata, deserta; pochi i passanti, annoiati, stanchi, qualche auto sfrecciante, in fuga verso il ristoro del mare, la frescura dei monti, o l’amenità della campagna, pur verde, a dispetto dell’aridità d’un impietoso agosto, rovente, che, a tutto indifferente, avanza. E lei… La guardo, distrattamente prima, poi con interesse, dall’angolino dove mi sono rifugiata, nascosta alla vista di chi … Continua a leggere

X agosto

Questa mattina percorrevo in auto una strada ahimè fin troppo nota, e ascoltavo distrattamente la radio, ora una canzone, ora parole che neanche sentivo, ero troppo concentrata sui miei pensieri, che, vorticosi e contrastanti come spesso mi accade da un po’ di tempo, non tanto poco, in realtà, mi si agitavano dentro, portandomi in un’altra dimensione, quando l’espressione “stelle cadenti, … Continua a leggere

Domenica d’agosto

L’alba Di questa domenica d’agosto S’affaccia sulla mia strada lunga, Sonnacchiosa; Rade le auto, Silenziose; Qualche passante, Frettoloso; Donne piccine, Dall’alto della mia terrazza, Dirette, forse, alla prima messa Mattutina. Le case intorno, Vuote, Nessun rumore, Non una voce… Una brezza leggera Agita dolcemente i fiori più tenaci Di piante rinsecchite, Fuori, Le tende si gonfiano Di dentro. Poi tutto … Continua a leggere

le parole

Ho letto molto di “parole”, ho scritto talvolta di “parole”, e questa sera sento l’esigenza di dire “parole” che mi salgono alle labbra dettate direttamente dal cuore. Tuttavia la mia innata ritrosia mi spinge a relazionarmi con questo schermo, che fa da “schermo” ai miei sentimenti, alle mie emozioni, che, intensi e forti come non mai, mi rendono fragile ed … Continua a leggere