Le “voci di dentro”…

…E ci sono momenti in cui sei così stanco che anche la voce del silenzio ti fa star male! E’ rumorosa, molesta, stridente…e vorresti farla tacere, ma non puoi, non sai. Questa è subdola, strisciante come una serpe, e velenosa e ti piomba addosso di soppiatto, senza che te ne renda conto, e ti morde e inietta il suo veleno, un veleno a effetto lento, letale!
Delle altre voci ti sei liberato, con l’isolamento cercato, voluto, imposto.
E i pensieri, quelli che credevi di un passato triste, angoscioso, passato, diventano amaro presente di un futuro incerto, nebuloso, doloroso, specchio di una realtà deformata, la tua, e ti aggrediscono con la loro corporeità ingombrante, pervasiva, con le loro voci cacofoniche, maligne. Le “voci di dentro”…La voce del silenzio…
Dovresti liberarti di te!
Solo così si azzittiranno tutte, per sempre!
 
 

Le “voci di dentro”…ultima modifica: 2007-11-09T17:45:00+01:00da ilianetto
Reposta per primo quest’articolo

60 pensieri su “Le “voci di dentro”…

  1. le tue parole sono forti, troppo dure! Non ascoltare quelle voci …sono sbagliate perchè esclusivamente maligne. Ascolta invece quello che hai nel cuore, perchè sono sicura che oltre al silenzio ci sono persone accanto a te che ti vogliono bene e che hanno bisogno di te, perchè sei unica e insostituibile!!! Libera quello che ti tormenta per lasciare spazio a tutta la bellezza che hai, e ne hai tanta! Liberati esclusivamente di quelle voci!!! Ti abbraccio piu’ forte che posso, con affetto sincero.TVB

  2. Le voci interne servono a far si che si presti attenzione a ciò che va sistemato… a volte ci sembrano estenuanti, insopportabili perchè forse non vorremmo sentire… non so se sia il tuo caso… ma qualsiasi sia lasciale andare, urlare e strepitare (direi anche ascolta come se vedessi un film) è l’unico modo per farle sparire.

    Bacio

  3. I bagliori ed i colori della festa spesso
    nascondono luci mai accese ed una
    grande tristezza nel cuore di chi soffre.
    Spero che questo Natale possa essere
    sereno e luminoso anche per loro.
    Ti auguro amore, gioia, e pace
    oggi, domani, e per sempre!

    Buon Natale da Giuseppe.

  4. Io ti ricordo Ilia, ricordo i tuoi racconti delicati, come pennellate sulla tela con mano abile e senso di misura. Ricordo i tuoi commenti gentili e sempre ponderati, raro esempio di stile e raffinata cultura.
    Un caro saluto Ilia, con la speranza di ritrovarti ancora.
    haffner

  5. Cara Ilia, son gia passati due inverni da quando hai scritto l’ultimo post, e con esso il piacere di leggerti. Resterai sempre nel mio cuore per ciò che qui rimane di te.
    Ti lascio un mazzetto di anemoni alpine, che la bellezza delle loro corolle sia sempre con te.
    Un caro saluto amica mia lontana ma sempre vicina.
    haffner

  6. Cara Ilia, questo è per me un luogo di memoria dove trovare le proprie radici. Così ogni tanto passo, so che non ci sei e forse mai farai ritorno, ma come una rondine a primavera cerca il suo nido lontano, qui io ci sarò a ogni cambio di stagione per lasciare un fiore accanto alla porta della tua dimora.
    Buona Pasqua amica.
    haffner

  7. Buongiorno cara amica, sabato in montagna ho visto il primo giglio Martagone. Vive solitario tra sole e ombra con i tepali color rosa-porporino, è un fiore protetto, non si può cogliere, ma idealmente lo poso accanto al tuo divano, sopra il comodino.
    Un caro saluto.
    haffner

Lascia un commento