Aforisma

Se tracci col gesso una riga sul pavimento, è altrettanto difficile camminarci sopra che avanzare sulla più sottile delle funi. Eppure chiunque ci riesce tranquillamente perché non è pericoloso. Se fai finta che la fune non è altro che un disegno fatto col gesso e l’aria intorno è il pavimento, riesci a procedere sicuro su tutte le funi del mondo. … Continua a leggere

AUGURI!!!

Non molto tempo fa…o forse tanto… qualcuno mi scrisse, in vernacolo napoletano, queste parole, semplici, come augurio pasquale. Allora non ne capii fino in fondo il senso, presa com'ero dal "tutto scontato". Ora, beh, è tutto diverso!!! Mi piace girarle a voi, con la stessa semplicità, col cuore. Auguri di buona, serena Pasqua.a pace e' pace e a sta in pace, … Continua a leggere

Lei…

La strada, lucida di pioggia, deserta; pochi i passanti, stanchi, qualche auto sfrecciante verso il  meritato riposo della propria casa, verso il calore delle pareti domestiche, dei propri familiari, verso la propria solitudine…      . E lei… La guardo, distrattamente prima, poi con interesse, dall'angolino dove mi sono rifugiata, nascosta alla vista di chi per caso porti i suoi passi sull'asfalto … Continua a leggere

Commistioni…

L'innocenza,  la dimensione di coscienza, spesso trascurata o sopraffatta da   energie negative, che, sola, mostra la bellezza, la luce e l'amore dentro di noi e in quelli che ci sono accanto, e nelle cose…La gioia di vivere, sua naturale  conseguenza, quella che dona le capacità di emozionarsi dinanzi a un rosso tramonto…E poi, la consapevolezza e la trasformazione dell'Essere   e … Continua a leggere

Una sera come un’altra…

"…Come sa di sale lo pane altrui…" diceva Dante, riferendosi al suo esilio volontario.E tuttavia il "sale" , forte, amaro, E' un gusto…Quando lo sdegno e la rabbia, impotenti contro gli egoismi umani, contro le ipocrisie e i falsi pietismi, contro la malvagità di un destino avverso e ineludibile, quando l'orgoglio, vessillo che ha guidato il tuo percorso di vita, … Continua a leggere

Poesia acrostica

  I ndecente  L usinga che possiede                L' anima;                                     U niverso di bianchi fantasmi;  S ogno  I nafferrabile in questo  O ceano   N ebuloso di un dolore  E terno

Un viale, una casa…

La donna cammina spedita. Nel cielo terso il sole riscalda l'aria di quell'inverno mite, e le accarezza il viso che prende un sano colore, ma dentro, il gelo! Silenzio intorno. Solo, il rumore dei suoi passi le riecheggia nella testa assorta in mille vorticosi pensieri, nel cuore che batte all'impazzata e sente gonfio lì, dentro al petto. Com'è sempre più … Continua a leggere

I momenti del silenzio.

Ci sono dei momenti in cui non si ha voglia di parole, dette, ascoltate… Sono i momenti del silenzio, frutto non di un ripiegamento sterile su di te, ma della necessità di leggere, dentro, i tuoi sentimenti, le tue sensazioni dinanzi agli eventi imprevisti e imponderabili della vita, e non solo della "tua" vita, quando vedi, senti, leggi quel che … Continua a leggere

La ragnatela del passato.

     E' un giorno come tanti, di un inverno mite, una finta primavera. Il sole splende alto nel cielo azzurro e riscalda l'aria, già fragrante, leggera da respirare, dolce da assaporare, magica da vivere, e lei sente un indefinito senso di benessere, come se   non ci fosse stato un "ieri", come se il suo passato non fosse esistito se … Continua a leggere